Cerca
Close this search box.

DECRETO SUPERBONUS 2024, PUBBLICATA LA LEGGE N. 67 NUOVE LIMITAZIONI SUI BONUS FISCALI DAL 2025

NUOVE LIMITAZIONI SUI BONUS FISCALI DAL 2025

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge di conversione del Decreto Legge n. 39/2024, il panorama dei bonus fiscali per l’edilizia subisce significative modifiche.

La Legge 23 maggio 2024, n. 67, sancisce la fine delle agevolazioni come le conoscevamo, limitando le opzioni disponibili per i contribuenti a partire dal 2025.

Il Superbonus, introdotto nel 2020, ha rappresentato una delle misure più rilevanti per incentivare la riqualificazione energetica e strutturale degli edifici. Tuttavia, le nuove disposizioni normative pongono un freno a queste agevolazioni, con impatti importanti per tutti coloro che stanno pianificando interventi edilizi.

NUOVE LIMITAZIONI SUI BONUS FISCALI DAL 2025

Tabella dei Contenuti

DETTAGLI DELLA LEGGE DI CONVERSIONE

La nuova struttura del Decreto Legge, ora composta da 17 articoli, introduce importanti cambiamenti che riguardano principalmente:

  • STOP DEFINITIVO A SCONTO IN FATTURA E CESSIONE DEL CREDITO: Questi strumenti saranno disponibili solo in limitati casi di interventi nei crateri sismici, entro un tetto massimo di 400 milioni di euro per il 2024. Ciò significa che dal 30 marzo 2024 non sarà più possibile utilizzare queste opzioni per nuovi interventi, salvo poche eccezioni. Questo cambiamento segna la fine di una fase che ha permesso a molti contribuenti di beneficiare di agevolazioni immediate per interventi di riqualificazione.
  •  
  • NUOVI FONDI: Sono stati stanziati fondi specifici per interventi nei territori colpiti da eventi sismici e per enti del terzo settore. Nel primo caso, è stato creato un fondo di 35 milioni di euro per il 2025, destinato appunto agli interventi nel cratere sismico. Nel secondo caso, un fondo di 100 milioni di euro è destinato agli interventi avviati da onlus, associazioni di promozione sociale e organizzazioni di volontariato. Questi fondi, sebbene limitati, rappresentano un supporto significativo per le aree più vulnerabili e per le organizzazioni senza scopo di lucro.

COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE E SANZIONI

Un altro aspetto rilevante delle nuove disposizioni riguarda le comunicazioni obbligatorie. A partire dal 2025, sarà necessario trasmettere specifiche informazioni all’ENEA e al Portale nazionale delle classificazioni sismiche per poter beneficiare dei bonus.

Questo obbligo è stato introdotto per migliorare il monitoraggio della spesa pubblica e garantire una maggiore trasparenza nell’utilizzo dei fondi.

La mancata comunicazione dei dati richiesti comporterà ingenti sanzioni amministrative o, in alcuni casi, la decadenza dell’agevolazione. Questa misura mira a garantire che i benefici fiscali siano concessi solo a chi rispetta pienamente le normative.

RIDUZIONE DELLE COMPENSAZIONI E BONUS CASA RIDOTTO

Dal 1° gennaio 2025, saranno introdotte limitazioni nell’utilizzo della compensazione dei crediti d’imposta. In particolare, banche, intermediari finanziari, società appartenenti a gruppi bancari e imprese di assicurazione non potranno più utilizzare la compensazione dei crediti d’imposta per contributi previdenziali, assistenziali e premi assicurativi contro gli infortuni sul lavoro.

Inoltre, il bonus casa subirà una progressiva riduzione:

  • Fino al 31 dicembre 2024: aliquota del 50% con limite di spesa di 96.000 euro.
  • Dal 1° gennaio 2025 al 31 dicembre 2027: aliquota del 36% con limite di spesa di 48.000 euro.
  • Dal 1° gennaio 2028 al 31 dicembre 2033: aliquota del 30% con limite di spesa di 48.000 euro.

 

È oggettivo che queste riduzioni rappresentano un incentivo a pianificare gli interventi di riqualificazione entro il 2024, fino a quando le condizioni di agevolazione fiscale saranno, quindi, ancora favorevoli per proprietari immobiliari.

BONUS FISCALI ALIQUOTE 2024 2033

OPPORTUNITÀ E CONSIDERAZIONI PER I CONSUMATORI

Per chi sta considerando interventi di riqualificazione energetica, come la sostituzione dei serramenti, è importante essere informati sui cambiamenti legislativi in essere. Le attuali agevolazioni offrono ancora condizioni vantaggiose fino alla fine del 2024.

Questo periodo di transizione rappresenta un’opportunità per pianificare e realizzare i lavori beneficiando delle normative attuali.

Sostituire i serramenti entro la fine del 2024 permette quindi di usufruire delle migliori agevolazioni fiscali vigenti per migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione, riducendo i consumi e aumentando il comfort abitativo.

Inoltre, è un dato di fatto che gli interventi di riqualificazione possono aumentare il valore dell’immobile, rendendolo più attrattivo sul mercato.

CONCLUSIONI

Le nuove norme rappresentano un cambiamento significativo nel panorama delle agevolazioni fiscali per l’edilizia. Informarsi e valutare attentamente i tempi e le modalità degli interventi è essenziale per massimizzare i benefici, prima che le nuove disposizioni diventino operative.

In questo momento di transizione, risulta quindi fondamentale prendere decisioni informate e strategiche, anche con l’aiuto di un consulente esperto, per sfruttare al meglio le opportunità rese disponibili ancora per l’anno 2024 a seguito dell’emanazione della legge n.67/2024 di cui abbiamo parlato.

Massimiliano Aguanno
LEMA SERRAMENTI – MILANO

Pubblicato in: GUIDE e CONSIGLI

ARTICOLI RECENTI

SERRATURE CON PROTEZIONE DEFENDER

In un mondo sempre più attento alla sicurezza, la protezione dei propri immobili, siano essi residenziali o commerciali, è diventata una priorità imprescindibile. Le serrature svolgono un ruolo fondamentale nella protezione contro furti e intrusioni, rappresentando la prima linea di difesa per ogni stabile. Tuttavia, non tutte le serrature offrono lo stesso livello di sicurezza e resistenza.

VITA DI CONDOMINIO: DOPPIE FINESTRE, UN PROBLEMA PER IL DECORO

Ci giungono sempre più richieste di isolamento acustico e spesso queste richieste sono focalizzate su soluzioni apparentemente semplici che vengono proposte da diversi operatori. In gergo possiamo chiamarle ‘doppie finestre’ ovvero applicare una seconda finestra sul filo esterno della facciata. Facciamo dunque un po’ di chiarezza, proponendo anche quanto stabilito da una recente sentenza del Tribunale di Milano.

RIVOLUZIONE NEL BONUS 75% BARRIERE ARCHITETTONICHE 2024: NUOVE REGOLE E ALTERNATIVE

Con l’emanazione della nuova Legge di Bilancio 2024, il Bonus Barriere Architettoniche 75% ha subito cambiamenti significativi che ne hanno ristretto l’ambito di applicazione. Questi aggiornamenti normativi rappresentano un importante punto di svolta, non solo per i professionisti del settore dell’edilizia ma anche per i beneficiari finali dell’incentivo.

LEGGE DI BILANCIO 2024: COME CAMBIANO I BONUS EDILIZI IN ITALIA

La Legge di Bilancio 2024 segna un momento significativo per il settore dell’edilizia in Italia, introducendo cambiamenti rilevanti riguardanti i bonus fiscali.
Questi bonus subiscono aggiustamenti che influenzano sia i professionisti del settore sia i proprietari di immobili.